Tempura, la ricetta originale giapponese!

Ricetta scritta da Marianna Pascarella (aggiornata il )

La tempura (o il tempura) è un tipico piatto della cucina Giapponese dove le verdure o il pesce vengono impanati con una pastella per poi essere fritti. Si tratta di una ricetta molto semplice e veloce da preparare che viene sempre più spesso replicata anche in casa, per fare le classiche verdurine giapponesi croccanti ed irresistibili, che è anche diventata un simbolo della cucina nipponica.

Quando si parla di tempura ci si riferisce quindi alla preparazione della pastella e al metodo di cottura che prevede il passaggio nella pastella e la frittura. Per quanto riguarda gli ingredienti invece si può spaziare tra verdure di ogni tipo (zucchine, carote, cipolle, melanzane, fagiolini, zucca, ecc.) e pesci (solitamente crostacei, come gamberoni o scampi, ma possono essere scelti anche calamari o filetti di pesce bianco). Seguendo pochi e semplici accorgimenti vedrete che preparare un'ottima tempura a casa, proprio come quella che è possibile ordinare al ristorante, non è affatto difficile, anzi può diventare anche semplice e divertente, soprattutto quando portandola a tavola potrete vedere la grande soddisfazione sul volto dei vostri commensali.

DIFFICOLTA': Bassa PREPARAZIONE: 20 minuti RIPOSO: 30 minuti COTTURA: 10 minuti
  •  
  •  
  •  
  •  

I Consigli di Marianna

* La quantità effettiva di acqua può dipendere dalla tipologia di farina utilizzata, quindi regolatevi man mano che la aggiungete. Partite sempre da una pastella più densa per poi diluirla. In questo modo sarà più semplice non incorrere in errori!

** L'utilizzo dell'uovo è del tutto facoltativo, rende la pastella sicuramente più saporita e dorata, ma non influisce eccessivamente sul risultato finale. Potete quindi tranquillamente ometterlo, considerate che senza uova, vi serviranno sicuramente 30-40 ml di acqua in più. Anche per quanto riguarda l'aggiunta di eventuali aromi, come aglio liofilizzato o altre spezie a piacere, nella ricetta originale non sono previste, ma si tratta di qualcosa di facoltativo che comunque vi permetterà di personalizzare la vostra tempura. Un discorso analogo vale per il sale, potete decidere di salare direttamente la pastella o aggiungere del sale in fiocchi alla fine, quando portate il piatto in tavola.

*** Io non preferisco l'uso del ghiaccio nella pastella, poichè mi va ad alterare la consistenza della pastella, visto che sciogliendosi aggiungere acqua, ed in questo modo riesco a tenere poco sotto controllo la consistenza desiderata. Preferisco preparare la pastella con ingredienti freddissimi, per poi conservarla in frigorifero, tra un'utilizzo e l'altro.

Curiosità. Lo sapevi che...

Forse non tutti sanno che la tanto rinomata tempura, considerata patrimonio della cucina giapponese, è in verità una ricetta di origine europea! Ebbene sì! Sfatiamo un mito: la celebre preparazione della tempura risale al XVI secolo, quando i missionari cattolici portoghesi arrivano in Giappone. A quei tempi i cattolici erano soliti, all'inizio di ogni stagione, osservare tre giorni di digiuno, privandosi soprattutto di carne. Durante questo periodo, conosciuto come i Quattro Tempora, si nutrivano solo di verdure e pesce, che solitamente cuocevano con una pastella leggera di acqua e farina. Da allora la tempura è divenuta una preparazione radicata nel territorio e nelle cucine giapponesi, tanto da far dimenticare le sue origini. A onor del vero, c'è anche da dire che se le origini di questa preparazione sono "nostrane", è stata poi la maestria degli chef giapponesi a renderla celebre e tanto conosciuta al mondo.

Marianna Pascarella

Seguimi su FacebookSeguimi su TwitterGuarda i miei PinGuarda i miei scatti su InstagramGuarda i miei Video

Marianna Pascarella

Marianna è la fondatrice del sito di cucina RicetteDalMondo.it, lanciato nel 2006 come una community di amanti della buona cucina, e ben presto cresciuto fino a diventare uno dei siti di cucina più famosi in Italia.

Marianna è molto attiva sui canali social con i quali mette a disposizione di cuochi casalinghi la sua immensa passione per la cucina.

Se vuoi saperne di più su Marianna, clicca qui!

Guarda anche queste ricette

Tentsuyu, Salsa per tempura

La tentsuyu è una salsa con la quale viene solitamente accompagna la tempura giapponese, si tratta di un vero e proprio intingolo nel quale immergere la tempura prima di gustarla. Si tratta di un preparato industriale che è reperibile nei negozi etnici, ma che volendo è anche possibili fare in casa. Le proporzioni...

Temaki

Il temaki è una forma di sushi molto differente dalle altre, anche questa come le altre viene preparata con alga nori, riso e pesce e verdure, ma la forma nella quale si presenta al pubblico è completamente diversa. Abbiamo già visto qualcosa di diverso dai maki (i sushi a forma di rotolo) e si trattava dei nigiri,...

Futomaki

Il futomaki è una tipologia di sushi che si presenta sotto forma di rotolo, preparato con un foglio intero di alga nori che avvolge il classico riso per sushi, che viene farcito con 4 ingredienti diversi. Grazie alla presenza di più ingredienti che vanno a riempire i rotolini, questa tipologia di sushi è tra le più...

Nigiri

Il nigiri, o nigirizushi, è una tipologia di sushi molto conosciuta e diffusa, che a differenza di quelli appartenenti alla famiglia dei maki, non si presenta in forma arrotolata, ma sotto forma di piccola polpetta di riso, ricoperta da una fettina di pesce o altro. Si tratta quindi di una tipologia molto semplice e...

Gunkanmaki

Il gunkanmaki sushi, o semplicemente gunkan, è un'altra tipologia di sushi appartenente alla famiglia dei maki, ovvero dei sushi arrotolati. E' molto conosciuto e si presenta come una polpettina di riso, che viene avvolta da una striscia di alga nori, il tutto viene ricoperto da pesce fresco a cubetti o uova di lompo...

Uramaki

L'uramaki è una tipologia di sushi che si presenta sempre sotto forma di involtino, appartiene infatti alla famiglia dei maki, ma la sua particolarità è proprio nella modalità di preparazione dell'involtino stesso, che ne determina un aspetto molto diverso dagli altri involtini della famiglia maki. Si tratta infatti...

Dai un Voto!
1 1 1 1 1
Media 4.98 (319 Voti)

Aggiungi commento



 

© Copyright 2006-2020 - I contenuti pubblicati su questo sito sono di proprieta' di Marianna Pascarella - Tutti i diritti sono riservati.
RicetteDalMondo.it e' un sito di FOODIE LAB di Marianna Pascarella - P.IVA IT09215191215 / REA NA-1016927