Nergi: il baby kiwi tutto italiano

di Marianna Pascarella ()
Nergi - Il mini Kiwi

Piccolo, dolce e succoso. Andiamo alla scoperta di Nergi, il mini kiwi superdotato ricco di vitamine, fibre, magnesio, fosforo e preziosi nutrienti che sta conquistando gli italiani.

È molto piccolo (è poco più grande di un’oliva) ma è un concentrato di nutrienti preziosi. Si chiama Nergi ed è il mini kiwi da poco sbarcato sugli scaffali dei supermercati italiani.

Leggi anche:  Superfood d’autunno: tutte le proprietà della melagrana

Nergi: identikit di un frutto

Dove è nato il Nergi? I baby kiwi sono originari dell'Asia Orientale, dove si consumano da secoli. Il Nergi è un frutto vitaminico dalla buccia commestibile appartenente alla specie Actinidia Arguta, ottenuta senza OGM grazie ad innesti realizzati in Nuova Zelanda.

Questo piccolo kiwi matura tra settembre e novembre, mentre la fioritura avviene a metà maggio. Ogni pianta è a forma di liana e può raggiungere i 6 metri di altezza. La produzione va dai 10 ai 50 kg di frutti per pianta e le dimensioni di ciascun frutto sono di 2-3 cm per un peso che può oscillare tra gli 8 e i 15 grammi.

In Europa 150 agricoltori hanno deciso di impegnarsi nella produzione di questo piccolo frutto innovativo. I frutteti impiantati – che occupano un territorio di 170 ettari - sono localizzati principalmente in Italia, Francia e Portogallo.

In Italia il Nergi si coltiva da circa 5 anni in Piemonte, in provincia di Cuneo, un territorio che vanta una lunga tradizione ortofrutticola. Al baby kiwi è stato dedicato un sito: nergi.info, dove è possibile consultare tutti i negozi di alimentari e i supermercati italiani in cui è possibile acquistarlo.

Caratteristiche del Nergi

Nergi: proprietà nutrizionali

Pochissime calorie per tanti nutrienti preziosi, così tanti che il Nergi viene considerato da molti come un vero e proprio superfood. Basti pensare che 100 grammi di questo frutto (circa 10 frutti) contengono 52,5 mg di vitamina C, ovvero più dell'arancia, del litchi e del ribes.

Ma non è tutto. Il Nergi è particolarmente ricco anche di vitamina E, magnesio, fosforo e fibre. E per il suo alto contenuto di potassio compete ad armi pari con frutti di bosco come lamponi, more e mirtilli.

È inoltre amico dell’intestino, perché contiene molte fibre, e nemico dello stress per il suo alto contenuto di magnesio ed è perfetto per l’alimentazione dei bambini per il suo alto contenuto di calcio.

Proprietà del Nergi

Nergi: come consumarlo

Il Nergi dopo l’acquisto si conserva per 3 giorni a temperatura ambiente o per 7 giorni in frigorifero. Il momento ideale per consumarlo è quello in cui la pelle risulta morbida al tatto e il sapore è dolce, con una piacevole nota acidula.

Pratico da mangiare perché piccolo e dalla buccia liscia e sottile, il Nergi si può gustare al naturale, anche senza sbucciarlo, in qualsiasi momento della giornata.

Il Nergi è un ingrediente prezioso per arricchire centrifughe e frullati. In cucina è un alimento molto versatile, che può essere utilizzato per piatti dolci e salati. Con il Nergi, infatti, si possono fare insalate, risotti, zuppe, antipasti, dolci e molte altre ricette gustose.

Ricette col Nergi

Insomma, non ti resta che provarlo e lasciare libera la tua fantasia per creare piatti unici e originali come questo piccolo e gustoso frutto!

Dai un Voto!
1 1 1 1 1
Media 5.00 (41 Voti)

Aggiungi commento



Codice di sicurezza
Aggiorna

 

© Copyright 2006-2019 - I contenuti pubblicati su questo sito sono di proprieta' di Marianna Pascarella - Tutti i diritti sono riservati.
RicetteDalMondo.it e' un sito di FOODIE LAB di Marianna Pascarella - P.IVA IT09215191215 / REA NA-1016927

Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter!
Riceverai gratuitamente le nostre Ricette e le ultime novità direttamente nella tua casella di posta.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy