I dolci di Natale italiani regione per regione

di Marianna Pascarella ()
Dolci di Natale regionali

Non solo pandoro e panettone a Natale ogni regione ha la sua tradizione culinaria da seguire. Scopriamo insieme quali sono i più golosi dolci italiani regione per regione.

Non c’è festa senza un buon dolce e a Natale i dolci occupano il posto d’onore sulle tavole degli italiani. Pandoro e panettone sono i classici dolci del periodo natalizio ma poi ci sono anche leccornie meno conosciute, ma immancabili nella loro regione d’origine.

Sono quelle che vengono preparate in casa il giorno della Vigilia, quelle che rievocano nella memoria di ciascuno di noi il Natale e le feste. Dal tronchetto piemontese, ricco di cioccolato, alle cartellate pugliesi, dal croccante romano agli struffoli napoletani, ogni regione ha i suoi dolci e le sue tradizioni da rispettare. Ecco come si festeggia a tavola tra cenoni e pranzi dal Nord al Sud d’Italia: “regione che vai, specialità che trovi”.

Leggi anche  Il panettone che non conviene

I dolci italiani: Nord

Il dolce simbolo per antonomasia del Natale è il panettone, vanto della gastronomia milanese, questo dessert è un pane dolce lievitato a più riprese e condito con uvetta e canditi.

Suo eterno ‘rivale’ è il pandorotipico della città di Verona, e, insieme al panettone, uno dei dolci più caratteristici e consumati delle festività natalizie in tutta Italia. La sua morbida pasta a forma di stella, ricoperta di zucchero a velo, fa del pandoro uno dei dolci più stimati e consumati dalle Alpi al tacco dello stivale.

Spostandoci in Friuli-Venezia Giulia, troviamo la gubana, una pasta dolce lievitata a forma di chiocciola che raccoglie un ripieno ricco di frutta secca dal gusto leggermente alcolico. Un dolce che fino a qualche tempo fa era fatto esclusivamente in casa e solo nelle grandi occasioni, vista la ricchezza degli ingredienti. Oggi invece si può mangiare la gubana in qualunque periodo dell’anno ma il Natale resta sempre quello migliore.

Tipico solo del periodo natalizio, invece, è il tronchetto di Natale, che ha origine in Piemonte. Questo incredibile trionfo di sapori, cioccolato, panna, brandy e marroni, nacque dall’antica tradizione di bruciare nel camino un ceppo di legna la notte di Natale, un piccolo gesto beneaugurante per il nuovo anno.Dolci regionali di Natale: panettone e gubana

I dolci italiani: il Centro

Spostandoci un po’ più a Sud incontriamo la Toscana, una regione densa di storia e tradizioni che per Natale non ci lascia a bocca asciutta. Da Prato a Livorno, da Siena ad Arezzo è un tripudio di torte e biscotti, di frutta secca e zucchero a velo: i ricciarelli, il panforte, i brigidini, i cavallucci, sono solo alcuni dei dolci di Natale toscani.

Nella zona di Roma e della Ciociaria, invece, il dolce delle feste per eccellenza è il panpepato, un impasto di frutta secca, canditi, uva passa, cioccolato e miele dal sapore lievemente piccante. Restando nel Lazio un altro prodotto della tradizione gastronomica è il pangiallo, un dolce natalizio a base di frutta secca, con una glassa allo zafferano e dall’inconfondibile colore giallo dell’impasto.

Il torcione, invece, è il dolce natalizio a base di mandorle tipico dell’Umbria. Il suo nome deriva dalla forma a serpente che, secondo antiche leggende, identificherebbe la capacità di rigenerarsi della natura.Dolci regionali di Natale: ricciarelli

I dolci italiani: Sud

Conosciuti e apprezzati non solo in Campania ma in tutto il mondo, sono gli struffoli. Pilastri dell’arte dolciaria napoletana, questi dolci rappresentano una delle ricette più caratteristiche del Natale. Gli struffoli sono delle golose palline di pasta dolce, prima fritte e poi immersa nel miele caldo. Solitamente disposti su un piatto da portata e decorati con frutta candita e confettini colorati.

Sulle tavole di Natale della Puglia non possono mancare le pettole, tenere e gustose palline di pasta lievitata fritta in abbondante olio, servite rigorosamente calde e ricoperte da un generoso strato di zucchero a velo.

I buccellati sono, infine, i dolci tipici del Natale siciliano. Piccoli biscotti che racchiudono un ripieno di fichi secchi, uva passa e mandorle, ricoperti di glassa. Il loro nome deriva dalla parola latina buccellatum, che stava ad indicare dei bocconcini morbidi e golosi.Dolci regionali di Natale: struffoli

Dai un Voto!
1 1 1 1 1
Media 5.00 (49 Voti)

Aggiungi commento



Codice di sicurezza
Aggiorna

 

© Copyright 2006-2019 - I contenuti pubblicati su questo sito sono di proprieta' di Marianna Pascarella - Tutti i diritti sono riservati.
RicetteDalMondo.it e' un sito di FOODIE LAB di Marianna Pascarella - P.IVA IT09215191215 / REA NA-1016927

Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter!
Riceverai gratuitamente le nostre Ricette e le ultime novità direttamente nella tua casella di posta.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy