Curarsi cucinando: è la Cooking Therapy

di Marianna Pascarella ()

Si chiama Cooking Therapy ed è l’ultima moda in fatto di 'medicine alternative'. Il presupposto di base è che cucinare (e gustare i piatti preparati) allevia dolori e sofferenze sia fisiche che mentali e aumenta l’autostima.

La teoria sta prendendo piede tra gli psicologi più all’avanguardia: in tempi in cui i disturbi legati all’alimentazione sono molto diffusi e i binge food (il raptus alimentare) è utilizzato come frequente valvola di sfogo, cucinare per se stessi e per gli altri può diventare una sorta di terapia.

Cucinare sembra offrire un gran numero di benefici: aumenta l’autostima e favorisce l’intimità nella coppia, fa sentire utili e positivi, distrae dal disagio e dai problemi, aumenta la creatività e allena la manualità e la memoria (impegnata a ricordare i passi della ricetta). Inoltre cucinare (sia nell’atto della preparazione del piatto che in quello del’assaggio conviviale) favorisce i rapporti sociali e familiari e rafforza i legami affettivi.

Insomma, cucinare non va più inteso solo come un obbligo in più in una giornata già piena di impegni, ma come un momento di svago e di salute fisica e mentale. Una vera e propria Cooking Therapy che scioglie tensioni, mantiene concentrati, allontana stress e pensieri negativi, mette in moto i sensi.

In alcune università e centri di riabilitazione, la Cooking Therapy è già ampiamente utilizzata su pazienti affetti da disturbi ossessivo - compulsivi, disordini alimentari e depressione.

Riferimento: news.paginemediche.it
Dai un Voto!
1 1 1 1 1
Media 5.00 (283 Voti)

Aggiungi commento



Codice di sicurezza
Aggiorna

 

© Copyright 2006-2019 - I contenuti pubblicati su questo sito sono di proprieta' di Marianna Pascarella - Tutti i diritti sono riservati.
RicetteDalMondo.it e' un sito di FOODIE LAB di Marianna Pascarella - P.IVA IT09215191215 / REA NA-1016927

Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter!
Riceverai gratuitamente le nostre Ricette e le ultime novità direttamente nella tua casella di posta.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy