A Tavola con Leggerezza

()
La gioia del palato e quella del benessere e della linea possono andare benissimo d'accordo: non occorre rinunciare ad una tavola accurata e variata, ma piuttosto sbarazzarsi di alcune cattive abitudini.


Merenda

I momenti che dedichiamo alla tavola sono spesso guastati dalla "dietomania" dilagante e che invece è proprio la causa degli squilibri della nostra alimentazione. E, per di più, rovina quello che dovrebbe essere un momento di comunicazione e di piacere per tutta la famiglia. Nutrirsi bene, e senza perdere di vista la forma, non è difficile, anzi deve diventare l'obiettivo del nostro modo di mangiare: spesso si tratta di sbarazzarsi di qualche cattiva abitudine. Vediamo insieme quali sono i principi di base dei cinque momenti dell'alimentazione quotidiana, per nutrirsi meglio, controllando anche la falsa fame.

Prima colazione: il momento più dolce

Prima ColazioneI dietologi non si stancano di ripeterlo, eppure molti di noi sono ancora "sordi" a questo richiamo: la prima colazione è quella che ci fa cominciare in piena energia la giornata.

Niente timore per la linea: la mattina, dopo il lungo digiuno notturno, l'organismo ha bisogno di energie, che vengono rapidamente bruciate nelle prime ore di lavoro. Perché bere solo un caffé, a digiuno, che ci rende solo nervosi quando in questo momento possiamo concederci qualche piccola dolcezza? Caffé, sì, se si vuole, ma accompagnato da frollini o fette biscottate con un velo di burro e marmellata, magari macchiato con un po' di latte. Ancor più importante per i bambini, soprattutto in età scolastica, non andare a scuola con lo stomaco vuoto anche se l'emotività e la fretta li abitua da piccoli al digiuno.

Cambiamo abitudini: facciamoli alzare cinque minuti prima, riempiamo la casa di musica e facciamo loro vivere la colazione come un momento di gioia: coi loro biscotti preferiti, con una fetta di torta semplice preparata da noi, con una bella tazza di latte colorato da una cucchiaiata di cacao o con una porzione di frutta fresca o cotta. 

A metà mattina: ci vuole uno spuntino

Quel senso di vuoto che diventa quasi un malessere a metà mattina, e che non di rado riempiamo con qualcosa facilmente a portata di mano e gratificante come cioccolatini o patatine, viene messo a tacere per poco tempo e in compenso abbiamo ingerito delle calorie "vuote", senza nutrimento e del tutto superflue. Uno spuntino a metà mattina va invece programmato con intelligenza ed è il naturale completamento di una buona prima colazione: una spremuta o un succo di pomodoro, e, insieme, un pacchettino di crackers o una quantità equivalente di grissini o altri prodotti simili sono lo spezzafame poco calorico che ci porterà senza fatica all'ora di pranzo.

A pranzo: viva il piatto unico!

Ormai è risaputo: mangiare solo bistecca e insalata, abolendo i carboidrati e i grassi, non è il modo di mangiare più sano ed equilibrato. Per mantenersi in forma, e per di più prevenendo una quantità di malattie quasi esclusive delle società industrializzate, si deve tornare alla dieta tipica delle zone mediterranee. Meno carne ricca di tossine, e più legumi, ricchi di proteine vegetali. Più verdure, bollite o crude, condite con olio extravergine d'oliva riducendo al minimo i grassi animali e le fritture. Più pasta e riso, meglio ancora se integrali, che conditi con verdure, erbe, pesce, legumi costituiscono un piatto unico saporito e sano. Se si preferisce, il pranzo in alternativa può essere costituito da pesce, carni, formaggi, qualche volta uova e accompagnato da verdura e leggeri e croccanti sostituti del pane.

Un segreto "spezzafame": mangiare a inizio pasto la verdura, che riempie senza dare troppo apporto calorico.

La merenda: quasi una festa


È il break atteso a metà pomeriggio. Se il pranzo è stato leggero ci si può concedere un dolcetto sfizioso: e questo diventa quasi di rigore per i bambini che hanno doposcuola molto attivi tra compiti, piscina, minibasket e via dicendo. La merenda diventa l'occasione per trasformare un intervallo in una festa; magari invitando altri piccoli amici. Con il , il latte, i frullati si può offrire un dolce sano e leggero, si possono preparare tartine a base di crackers e pane tostato.

Cena: meglio la leggerezza

La regola fondamentale è quella di completare, la sera, l'alimentazione della giornata con quello che non abbiamo mangiato a mezzogiorno. Un piatto unico o un bel minestrone con dentro la pasta se non l'abbiamo mangiato a mezzogiorno o viceversa la carne o il pesce, meglio ai ferri, e sempre un po' di verdura e da non rinunciare, se piace, un bicchiere di vino. La cena deve comunque essere leggera se vogliamo assicurarci una notte di sonno sereno e un risveglio di buonumore e con un certo appetito che ci fa riprendere il "giro" giusto di una buona alimentazione.
Dai un Voto!
1 1 1 1 1
Media 4.97 (287 Voti)

Aggiungi commento



Codice di sicurezza
Aggiorna

 

© Copyright 2006-2019 - I contenuti pubblicati su questo sito sono di proprieta' di Marianna Pascarella - Tutti i diritti sono riservati.
RicetteDalMondo.it e' un sito di FOODIE LAB di Marianna Pascarella - P.IVA IT09215191215 / REA NA-1016927

Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter!
Riceverai gratuitamente le nostre Ricette e le ultime novità direttamente nella tua casella di posta.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy