Questo sito contribuisce alla audience di

Come fare la pastiera napoletana perfetta

di Redazione ()
 
Stampa e Crea PDF Scarica come PDF
Scarica
Salva nei
Preferiti


Come fare la pastiera napoletana perfetta

La pastiera napoletana non può essere definita un semplice dolce, nasconde una storia unica e lunghe tradizioni.
Ad ogni morso si scoprono sapori nuovi e gustarla diventa un vero piacere.
La croccantezza del grano, la friabilità della frolla e la delicatezza della crema sono il mixer perfetto per un dolce che è molto più antico dell'unità d'Italia!

Tipico dolce primaverile si prepara per la Santa Pasqua; nasce nella tradizione culinaria naoletana ed è oggi un dolce conosciuto in tutto lo stivale. Ed anche se non appartiene alla tradizione della vostra famiglia, con i trucchi e i consigli riportati in questo articolo, riuscirete a preparare una pastiera napoletana perfetta, degna della migliore tradizione partenopea.

Leggi anche il  Casatiello napoletano, tra storia e tradizione

Ogni famiglia è convinta di possedere la ricetta originale, proprio quest'ultima si è soliti tramandarla di famiglia in famiglia, ma difficilmente si potrà trovare una pastiera simile ad un'altra.
Per fare una buona pastiera oltre ad avere la giusta manualità, bisogna metterci il cuore e quello non può essere pesato, ognuno ci mette la propria dose di passione e quella è intrinseca in ognuno di noi.
Ingredienti unici che rendono questo dolce immortale.

La pasta frolla per la base

La base della pastiera napolerana viene realizzata con una semplice pasta frolla, che è preferibile preparare con le uova intere, piuttosto che non con i soli tuorli, per permettere alla pasta di essere elastica e di non frantumarsi al taglio.
Le striscioline di frolla che la rivestono devono essere larghe quasi un centimetro e devono distanziarsi abbastanza tra loro, non devono essere troppo sottili altrimenti in cottura si rischia che si rompano.

La scelta del grano: crudo o cotto?

Il grano è l'ingrediente principe della pastiera napoletana. La ricetta originale della pastiera napoletana prevede l'utilizzo del grano crudo, ingredienti oggi andato in disuso, in favore del grano precotto che si trova, soprattutto nel periodo di Pasqua, in tutti supermercati. Il grano precotto è comodo e pratico, si utilizza direttamente nella preparazione, anche se per un risultato ottimale è preferibile farlo cuocere ancora con il latte per na ventina di minuti, per renderlo ancora più morbido e gustoso.
Se però, nel rispetto della tradizione, preferite partire dal grano crudo, sappiate che il procedimento è solo più lungo, ma certo non impossibile. In questo caso la quantità da utilizzarne è la metà, tenetelo a bagno per 3 giorni, cambiando l'acqua giornalmente, poi sciacquatelo e cuocetelo in abbondante acqua per 60 minuti dalla bollitura, senza girarlo.
La consistenza granulosa che i chicchi di grano conferiscono alla pastiera è una delle caratteristiche di questo dolce, ma può anche essere il "neo" che la rende non appetibile porprio a tutti, per questo motivo c'è chi preferisce frullarlo, ottenendo una crema piuttosto liscia. In ogni caso per un risultato ottimale potete frullarne circa 1/3 della quantità totale (sempre dopo la cottura con il latte).Come fare la pastiera napoletana perfetta 2

La ricotta: qualce scegliere

La ricotta giusta da utilizzare è la ricotta di pecora, la cosiddetta ricotta Romana, prodotta tra novembre e giugno da latte di ovini sardi e siciliani. Viene venduta in cestini di vimini o di plastica e il suo sapore un po' dolciastro la rende unica, ha inoltre una consistenza più corposa rispetto alle altre varietà di ricotta.
Se si preferisce un sapore più delicato si può sostituire la ricotta di pecora con quella di bufala dal sapore fresco e molto più leggero.

Strutto o burro?

La ricetta originale e tradizionale prevede l'utilizzo della strutto sia nella preparazione della frolla che nella crema con il grano. Una delle rivisitazioni della pastiera è stata quella di sostituire lo strutto con il burro in modo da rendere la frolla un po' più leggera, il sapore resta sempre unico e la friabilità dell'impasto rimane sempre tale.

La crema pasticcera: una scelta

La ricetta originale non prevedeva la crema pasticcera, considerato un dolce povero; tanti anni fa non tutti si potevano permettere di utilizzare così tante uova per un solo dolce.
La crema pasticcera è una di quelle rivisitazioni che ha arricchito ancor di più un dolce cosi gustoso.
Dona un sapore delicato ed è capace di nascondere il sapore del grano che mangiato da solo potrebbe dar fastidio.

Gli aromi tipici della pastiera

Un dolce del genere è reso unico anche grazie ai tanti aromi che si celano al suo interno.
I suoi profumi ricordano la Primavera ed è per questo forse che viene fatto particolarmente in questa stagione.
L'essenza di fiori d'arancio e millefiori, che è possibile reperire in boccette o fialette, danno al dolce un sapore così particolare ed inconfondibile, che lo rende unico.
E' possibile sostituire la classica acqua di fiori d'arancio con 5 gocce di olio essenziale di Neroli, dal sapore intenso, non viene utilizzato da tutti perché è davvero molto caro ma sicuramente capace di conferire quel sapore unico. Sia l'aroma di fiori d'arancio che quella millefiori vengono utilizzate nella misura di una fialetta o 1-2 cucchiai se avete il flaconcino.
Un pizzico di cannella è necessario perché ricorda la ricetta originale quando quel profumo di legnetti si incontrava con il grano e contribuisce ad arricchire il colore della crema.
Da non dimenticare la scorza d'arancia per la preparazione della frolla e la buccia di limone per aromatizzare la cottura della crema pasticcera.

Frutta candita: cedro e arancia sono d'obbligo!

La frutta candida è fondamentale per la buona riuscita della pastiera, tagliata in pezzetti piccolissimi quasi invisibili hanno una funzione importante: rilasciano quel liquido necessario in cottura che permette alla pastiera di restare umida per giorni. Infatti i canditi sono utilizzati anche nel ripieno della sfogliatella, che di per sé ha una crema molto simile a quella usata per la pastiera.
Cercate di preferire arancia candita e il classico cedro, con una percentale superiode della prima, in quanto rilascia un profumo maggiore ed è meno aspra del cedro. Molti sostituiscono la frutta candita con le gocce di cioccolato ma quella non può essere considerata la vera pastiera, in quanto il cioccolato fondente altera i sapori coprendo la dolcezza della crema ottenuta con gli aromi.

Una perfetta cottura è fondamentale

La pastiera tradizionale deve essere cotta in un tegame di alluminio molto leggero e deve essere alta tra i 4 e i 6 centimetri. La cottura della pastiera deve avvenire ad una temperatura non troppo alta, andranno benissimo 170° in forno statico, per un tempo di almeno 1 ora, per permettere alla crema di cuocersi perfettamente, senza rischiare di bruciare la frolla. A fine cottura dovrete ottenere un dolce piuttosto dorato, quindi se risulta ancora molto chiara potrete alzare la temperatura a 180° gli ultimi 10 minuti. Per assestare il dolce è preferibile lasciarlo nel forno semiaperto per altri 30 minuti, prima di sformarlo. La pastiera deve poi raffreddarsi nel suo stampo, che è meglio se viene messo su una gratella, per farlo arieggiare anche sotto.

Come conservare la pastiera napoletana

La pastiera napoletana, dopo essere stata cotta, deve riposare almeno per un giorno intero prima di gustarla, meglio ancora due, in modo da far assestare bene tutti i sapori e renderla unica. A dimostrazione dell'importanza del tempo di riposo, basta pensa che la tradizione prevede che questa venga cotta il giovedì santo, per essere poi mangiata solo la domenica.
La pastiera napoletana si conserva a temperatura ambiente, purchè l'ambiente sia fresco e asciutto, non è quindi necessario riporla in frigorifero, anzi è preferibile evitarlo almeno per i primi due giorni di "assestamento".Come fare la pastiera napoletana perfetta 3

Ora non vi resta che cimentarvi nella preparazione di questo dolce, con la mia ricetta della 
perfetta pastiera napoletana

Dai un Voto!
4.81132075472 1 1 1 1 1
Media 4.81 (53 Voti)

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti   

 
paola
# 2016-03-12 21:35
Cara Marianna grazie mille per questi preziosi segreti nel fare una pastiera perfetta, io la faccio tutti gli anni e devo dire che mi viene sempre ottima ma non sapevo che per la pasta frolla è meglio usare le uova intere ( infatti a me la frolla mi si rompe sempre ) e poi non sapevo che è meglio far cuocere il dolce nell'alluminio. .. questa Pasqua farò il dolce seguendo tutti i tuoi consigli per un ulterione ottimo risultato. Grazie ancora :-)
Rispondi | Rispondi e cita | Cita
 
 
Marianna Pascarella
# 2016-03-13 09:30
Ciao Paola,
sono davvero molto contenta di averti dai qualche suggerimento utile. Provali e fammi sapere cosa ne pensi! ;-)
Rispondi | Rispondi e cita | Cita
 
 
maria vittoria
# 2016-03-13 09:29
Ciao Marianna,
tutti consigli preziosisssimi.
Mia nonna l'ha sempre fatta, ma io non sapevo bene tutti questi segreti e trucchetti che ci sono dietro la ricetta. :-)
Rispondi | Rispondi e cita | Cita
 
 
Marianna Pascarella
# 2016-03-13 09:31
Ciao Maria Vittoria,
sono felice di averti dato qualche dritta utile a fare una pastiera perfetta! :-)
Rispondi | Rispondi e cita | Cita
 
 
Clara
# 2016-03-13 11:18
Ciao Marianna,
quante belle notizie! :-)
Complimenti per il tuo sito, è fantastico e trovo sempre tanti spunti interessanti. Tutte queste informazioni sulla pastiera sono davvero preziose! Bravissima!! :-)
Rispondi | Rispondi e cita | Cita
 
 
filomena
# 2017-03-10 17:27
Grazie per i suggerimenti, anch'io sbagliavo senza sapere che la frolla è meglio farla con uova intere. Infatti quando ho cominciato a farle erano ottime e usavo uova intere. Poi, credendo di migliorarla, ho cominciato a fare la frolla con più tuorlo e mi venivano così così. Ora ho capito il perchè. Scusa ma le dosi non le hai date? Avrei confontrato volentieri la tua con la mia ricetta. Grazie Filomena
Rispondi | Rispondi e cita | Cita
 
 
Marianna Pascarella
# 2017-03-10 17:41
Ciao Filomena,
sono felicissima che tu ritenga utili i miei consigli su come fare la pastiera napoletana. Per le ricetta ho messo il link alla mia versione della pastiera nell'articolo, comunque la trovi qui! ;-)
Rispondi | Rispondi e cita | Cita
 
 
filomena
# 2017-03-19 12:09
Citazione Marianna Pascarella:
Ciao Filomena,
sono felicissima che tu ritenga utili i miei consigli su come fare la pastiera napoletana. Per le ricetta ho messo il link alla mia versione della pastiera nell'articolo, comunque la trovi qui! ;-)

L'ho fatta la settimana scorsa usando le uova intere per la frolla e finalmente mi è venuta la pastiera buona come la facevo tempo fa, prima di cominciare a mettere più rosso nella frolla.
Rispondi | Rispondi e cita | Cita
 
 
Marianna Pascarella
# 2017-03-20 18:05
Ne sono felicissima Filomena! :-)
Rispondi | Rispondi e cita | Cita
 
 
tiziana
# 2017-03-16 14:59
ciao Marianna...non trovo la ricetta della pastiera,potres ti aiutarmi?grazie
Rispondi | Rispondi e cita | Cita
 
 
Marianna Pascarella
# 2017-03-16 16:39
Ciao Tiziana,
certamente! Ecco la mia ricetta della pastiera napoletana! ;-)
Rispondi | Rispondi e cita | Cita
 
 
lucia varasano
# 2017-03-26 09:15
E' la migliore che abbia mai preparato,grazi e dei suggerimenti.
Rispondi | Rispondi e cita | Cita
 
 
Marianna Pascarella
# 2017-04-03 22:28
Ciao Lucia,
è un piacere, un onore, una gioia immensa!! ;-)
Ne sono davvero felicissima!! :lol:
Rispondi | Rispondi e cita | Cita
 

© Copyright 2006-2017 - I contenuti pubblicati su questo sito sono di proprieta' di Marianna Pascarella - Tutti i diritti sono riservati.
RicetteDalMondo.it e' un sito di Mediaweb di Salvatore D'Onofrio - P.IVA 07569981215 / REA 895056 - Via Palazzuolo, 42 Scisciano (NA)

 
Diventa Fan su Facebook Seguici su Google+ Seguici su Twitter Guarda le Video Ricette Guarda i nostri Pin Abbonati al nostro RSS Feed
Iscriviti alla nostra Newsletter!
Riceverai gratuitamente le nostre Ricette e le ultime novità direttamente nella tua casella di posta.

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy